L'uso del jiu-jitsu come

Contenuto in Educazione Fisica

Articolo scritto da:

Thiago Henrique dos Santos Reis *

Frank Shiguemitsu Suzuki **

Fabio Rodrigo Ferreira Gomes ***

Estratto

          Jiu-Jitsu è un arte marziale ha la sua origine in Giappone, ma dopo lo shogunato Tokugawa non è stato così utilizzato. Un giovane di nome Jigoro Kano, che era uno studente di arti marziali e di educazione, intesa que queste arti erano molto più semplicemente la pratica del combattimento, ma anche il miglioramento etico e morale, e ha fondato il Kodokan Judo. Questa modalità è cresciuta rapidamente in numero di praticanti. In Brasile è stato divulgato da Conde Koma, che apparteneva alla seconda generazione di studenti di Kano. Questa modalità è stata trasformata dalla famiglia Gracie e chiamato Brazilian Jiu-jitsu, che ha effettuato la lotta alla stigmatizzazione que incoraggia la violenza. Lo scopo di questo lavoro è quello di presentare i principi filosofici del Judo e la sua possibile applicazione nel Brazilian Jiu-jitsu per la scuola.

          Parole chiave: Jiu-jitsu. Judo. Scuola.

Introduzione

    L'area sport ha bisogno di espandere le loro opportunità di istruzione e di utilizzare gli altri sport per completare che sono più praticata dai nostri figli nella scuola, soprattutto se lo sport ha una identità nazionale. Le persone di buon senso credono che lo sport si sviluppa l'individuo nella sua forma completa (imparare a trattare con la vittoria e la sconfitta, il lavoro collettivo). Per esempio, su squadre sportive sostengono che il praticante si sviluppa attraverso lo sport.

    Le arti marziali vennero dall'Oriente sono corporea pratiche che portano i valori morali ed etici per l'uomo (Stevens, 2007). Tali accordi apparvero in Brasile con l'obiettivo di auto-difesa, dello sport o anche come l'attività fisica di fronte problemi di salute.

    Le basi filosofiche e religiose orientali si sono concentrati su società e tali credenze orientali sono: la pratica del "Zen" Buddismo, Confucianesimo, Shintoismo, Taoismo (Sugai, 2000).

    Nella parte orientale di arti marziali sono sempre stati legati alla guerra o di auto-difesa. Tuttavia, Jigoro Kano, formattato i significati ei movimenti che facevano parte del vecchio Jiu-jitsu, lasciando le tecniche offerti senza grande pericolo per l'integrità fisica, dando il nome di Judo Kodokan (Stevens, 2007).

    Quando la persona si presenta a qualsiasi arte marziale guidata da principi filosofici orientali, attraverso la pratica, noi crediamo a cambiare il loro comportamento. Quando lo studio è più profondo, ci si rende conto che anche con tutto quel potere per il cambiamento, i valori non vengono trasmessi nella sua vera essenza, che lo studente capisca quello che sta facendo.

    Kodokan Judo che si stava espandendo in tutto il mondo, è nato e Brazilian Jiu-Jitsu Brazilian Jiu-Jitsu, usando le sue tecniche di auto-difesa, senza molto attaccamento filosofico ed educativo (combattimento dai combattimenti). Questa mancanza di filosofia, ha fatto generazioni di combattenti che Jiu-jitsu modalità rotulassem come violenti.

    Di conseguenza l'obiettivo del presente lavoro è quello di discutere le origini di Jiu-jitsu, per giustificare la possibilità di una sua applicazione nella scuola.

Sviluppo

    Ci sono varie storie sulle origini di Jiu-jitsu, tuttavia questo lavoro si concentrerà su quello che viene dal Giappone feudale, è ciò che più conta per la nostra discussione.

    È possibile definire che ci sono due tipi di Jiu-jitsu: l'ex dando origine a molte forme di lotte, per esempio, il judo e altre perfezionato dalla famiglia Gracie dal Judo portati in Brasile da Mitsuo Maeda (Conte Koma), viene chiamato dai suoi fondatori, Brazilian Jiu-jitsu (VIRGILIO, 2002).

    Nel Giappone feudale, molte arti marziali venivano praticate le arti che usavano lance, archi e frecce, spade e molte altre armi e Ratti per Westbrook (2006) registrati 23 pratiche disarmati nel Giappone feudale. Jujitsu era una di quelle arti. Tuttavia, è stato chiamato anche Taijutsu e Yawara, era un sistema di attacco che potrebbe colpire l'avversario con pugni e calci, gettarlo, e lo pin di strangolarlo, e questo sistema ha anche insegnato le difese a tali attacchi (Kano, 2008b) . Si può dire che ci sono diverse scuole di Jiu-jitsu, e ognuno favorito uno o più dei sistemi di cui sopra lotte.

    Ogni master Jiu-jitsu ha insegnato quello che pensava fosse, non vi era più importante alcun metodo sistematico (Kano, 2008a). A quel tempo i più famosi maestri avevano la loro arte su un insieme di diverse tecniche, tutti avevano diversi modi di insegnamento, ma non potevano vedere un principio che favorisca l'arte.

    Prima della creazione del Judo nel 1882, la curiosità della gente sulla europeo e americano Jiu-jitsu è stato in crescita, l'efficienza dimostrata in altri popoli opinioni ha padroni viaggio di Jiu-jitsu, anche il mistero di quel paese che era e chiuso per ignoto relazioni con l'era Meiji.

    Fino alla riforma Meiji, il samurai con i suoi poteri potrebbe uccidere qualsiasi cittadino sospettato. Dopo Imperatore Mutsu Hito (1867-1912), grandi cambiamenti si sono verificati: l'occidentalizzazione dei costumi, il samurai ha cominciato a perdere i loro valori e non aveva più potere dato dall'imperatore. Così i samurai sono stati banditi, privato della sua spada (che significava la sua anima), perdendo il rispetto della popolazione. In questo periodo le guerre interne finirono e gli eserciti occidentali equipaggio fino fucili e cannoni. Così arti marziali hanno perso forza, come un guerriero non si troverebbe ad affrontare un esercito armato solo con la sua spada. Così il senso della vita per via del guerriero - Bushido e Budo - forza perduta (Kano, 2008a).

    Jujitsu è l'arte di autodifesa, con o senza armi, contro avversari con o senza armi. Il Jiu-Jitsu non ha bisogno di avere una grande forza fisica, anche se si ammette a buon uso. E 'la lotta per un avversario più debole battere più forte.

    Brevemente, Jiu-Jitsu arte marziale fu il samurai usato per addestrare difesa. Jigoro Kano (fondatore del Kodokan Judo), ha iniziato la formazione in 17 e preoccupati per la mancanza di etica a causa del declino della tecnica in quel momento e il pericolo che le tecniche sono state eseguite. Da lì ha iniziato a studiare arte utilizzando il codice d'onore del samurai (Bushido) lungo le religioni orientali, per dare il tocco filosofico necessaria per aggiungere valore alle tecniche ha selezionato per Judo (Virgilio, 2002).

    Professor Jigoro Kano praticata Jiu-jitsu scuole Kito-ryu e Tenjin Shinyo-ryu, queste scuole hanno lo studente prendono cadute e colpi senza spiegare perché stavano facendo, in modo che gli studenti a sviluppare l'autocontrollo con la scoperta dei movimenti e la pazienza di comprendere e svelare i segreti del tempo corretto, raggiungendo lì il suo obiettivo a lungo termine, che la forma è stato impegnativo, ma gli studenti si è fatto male molto e moltiplicare molte volte per imparare, basta frequentare le lezioni chi potrà reggere il ritmo. Jigoro Kano fu insegnato imitando in tal modo le azioni di un insegnante, l'insegnamento non era chiaro.

    Tecniche così formulati apprese in queste scuole di Jiu-jitsu, che separa i punti di forza di ogni dojo (scuola), ha dato senso a queste tecniche, assumendo: Seiryoku Zenyo "la massima efficienza con il minimo sforzo", per il miglioramento di utilizzo di questo principio umano on- formazione in loco e la vita di tutti i giorni, a beneficio della società.

    Così, nel 1882 questo giovane idealista formata Università Imperiale con la conoscenza delle varie scuole di Jiu-jitsu, pedagogia, filosofia, formulati e ha lanciato un nuovo stile di combattimento, Kodokan Judo (Scuola per lo studio della vita), che sono state eliminate le tecniche che hanno fornito più pericolo per l'integrità fisica, etica sottolineando e tradizione di lotta che ha oltre 500 anni (Virgilio, 1986).

    Come tecnica di Judo viene studiato e praticato con l'obiettivo della massima efficienza, che si sarebbe imparato in sei anni in altre scuole di Jiu-jitsu, passa a soli tre anni con il metodo del Judo. Così è venuto per essere utilizzato da varie scuole di Jiu-Jitsu. L'obiettivo generale è quello di migliorare fisico, mentale e morale, e l'uso di questi poteri per il bene della società (Kano, 2008a).

    Un altro obiettivo del gioco è stata la conservazione delle tradizioni giapponesi camminavano verso l'estinzione, la trasformazione dello strumento Jiu-jitsu in educazione fisica, educazione civica, e può essere praticato da bambini e anziani.

        "Judo è nata di insoddisfazione di una giovane giapponese che ha creduto che l'arte marziale aveva molto di più da offrire alla società e l'uomo semplicemente la capacità di sconfiggere un altro uomo in una lotta." (Ferreira, 2003, p.3)

    La traduzione della parola Judo giapponese si divide in due parti: "Ju", che significa morbidezza, delicatezza, la flessibilità; "fare" significa sentiero o passeggiata con consapevolezza. Quindi che significa "la via della dolcezza", "la via della dolcezza".

    Judo è praticato in un posto speciale chiamato "Dojo" ed i suoi praticanti indossano uno judogui (abbigliamento Judo, comunemente chiamato kimono) simboleggia i vestiti di tutti i giorni e una striscia con i colori che indicano la loro laurea (Darido e Rangel, 2008).

    Attraverso l'etichetta (forma di saluto che porta l'insegnante e l'avversario, prima e dopo il combattimento) e truffe elaborati volti a preservare l'avversario. Si è basata sul metodo di insegnamento nelle dottrine religiose e orientali - Taoismo, Buddismo Zen, il Confucianesimo e Shintoismo.

    Sviluppi all'interno Giappone è stato veloce, rendendo Kano tornare i loro sguardi per l'espansione del Judo nel mondo, per rafforzare i legami di amicizia tra i popoli, che era l'obiettivo della seconda generazione del Kodokan, diversi insegnanti, tra cui Mitsuyo Maeda e Satake stavano facendo apertura verso il mondo, le sfide e le lotte in un fattore molto importante per la prima fase di tale comunicazione non è la priorità all'insegnamento del Judo, ma assicurarsi che il mondo lo conosceva, anche se il Maestro Jigoro Kano non era d'accordo con le sfide che è successo prima in Giappone e poi contro altre scuole di tutto il mondo, quindi la priorità organizzazione dell'istruzione e strutturale.

    In Europa, nonostante che appare fin dal VI secolo. XVIII alcune pubblicazioni sulla Jiu-jitsu, erano molto scarse e poco affidabili. All'inizio del secolo. XX insegnanti di Kodokan ha raggiunto l'Europa, la distribuzione di Judo in modo efficace, facendo dimostrazioni e sfide ottenendo l'ammirazione e rispetto. Ma Jiu-Jitsu e Judo erano apparentemente considerate la stessa lotta, che differiscono nei loro obiettivi e le loro strategie di insegnamento.

    Secondo Virgiglio (2002) Mitsuyo Maeda (Conde Koma) pur essendo un discepolo diretto di Tomita (che altro ha ricevuto insegnamenti del Maestro Jigoro Kano), ritiene che il calvario dei più grandi lotte è stato quello di confrontarsi con altri stili e modalità. È importante sottolineare che Koma era noto per aver vinto molte battaglie (America del Nord, America Centrale, Europa e Brasile) contro i vari stili di combattimento, e non per essere un grande maestro, e un altro fatto che è stato contemplato il Kodokan Judo spegnimento per queste sfide.

    Il Brazilian Jiu-Jitsu noto anche come "Gracie Jiu-Jitsu" ha come fondatore della famiglia Gracie, e si arricchisce di Grandmaster Helio Gracie. Il Gracie eredità iniziata nel XX secolo, con Conde Koma. A quel tempo Gaston Gracie (diplomatico), Maeda ha aiutato a stabilirsi nella città di Belém do Pará, per mostrare la sua gratitudine Maeda insegnò Judo Kodokan loro figli, o forse una miscela di Jiu-Jitsu e Judo, perché, come detto sopra, ci si era una chiara differenza tra le modalità.

    Le classi consistevano Maeda per insegnare dalla lotta stessa, senza alcun processo pedagogico, i Gracie finito per cadere innumerevoli volte su e provare di nuovo, fino a quando la lotta a terra (il terreno è quello di lottare per la realizzazione di attività) è stato presentato loro , era il momento opportuno per rendersi conto che il suolo come fragile potrebbe approfittare del più robusto, con questo motto i Gracies sono state perfezionate nella lotta a terra.

    Con il passaggio a Rio de Janeiro, Carlos ha deciso di insegnare loro tecniche di combattimento per aiutare il bilancio familiare. Carlos era sempre contro la violenza e l'associazione di Jiu-jitsu lo stesso, anche se in un primo momento di rivelare il nuovo modo, il modo in cui hanno trovato era i combattenti sfida di vari stili di combattimento per dimostrare la supremazia di Brazilian Jiu-jitsu, wrestling formato senza sport colpi traumatici, combattimenti MMA ufficiale o solo combattimenti di strada.

    Un giorno particolare, Carlos ha dovuto risolvere le questioni al di fuori dell'accademia ed è stato ritardato, Hélio Gracie (fratello di Carlos skinniest) che accompagna tutte le classi, ha deciso di dare la lezione del giorno non deludere lo studente che attendeva con impazienza il maestro. Elio è stato così attento che ha dato una grande lezione, battendo le classi Carlos. Una volta che lo studente ha chiesto che da quel momento avrei ricevuto solo le classi piccolo Helio (Gracie, 2007).

    Hélio rese conto che non poteva facilmente eseguire alcuni movimenti che avevano memorizzato, cominciò adattare leve che non aveva bisogno di usare la forza nella lotta, o Hélio ha adattato lo stile di combattimento proprio corpo.

        "Non ho mai voluto insegnare agli atleti. Gli atleti non hanno bisogno. Chi ha bisogno il mio Jiujitsu è il ragazzo magro, terrorizzato, sciolto, insicuro, indifeso. Avete mai immaginato questo ragazzo per fare in modo che non prende pugnalata, colpire, Stomp, punzone , calcio, cravatta? Egli impara a uscire da ogni situazione e comincia a vedere che è invincibile. sue morali cambiamenti timidi per qualcuno che crede in te, e che non ha prezzo. (...) Ho creato un veicolo per fornire sicurezza per il popolo ". (Gracie, 2007).

    Con queste citazioni Jiu-jitsu è stato esposto popolazione come arma, ricercato da chi ama combattere, perché non è stato offerto come un apprendimento di autodifesa, ma come un mezzo per liquidare gli avversari.

    Nei primi anni novanta gli allenamenti sono stati tutta orientata ai campionati, l'insegnamento è stato orientato alla concorrente malizia, come guadagnare punti, completamente lasciando fuori la parte di auto-difesa.

    Nel corso degli anni la tecnica si è sviluppata molto velocemente emerso i campionati e lasciando da parte la difesa oggi lezioni e concorsi e accademie mirano a privilegiare i migliori atleti.

    E 'giusto dare priorità i migliori atleti della storia del proprio Jiu-jitsu priorità i migliori combattenti, questa è la filosofia che Jiu-jitsu (Teixeira, 2007).

    La lotta è quello di battere l'avversario, immobilizzarlo e non rinunciare alla lotta con osservazioni (serrature del braccio, impiccagioni, tutori ortopedici, ecc.), Ogni azione corrisponde un punteggio.

    Questo sport ha preso il mondo dalla percentuale di MMA, UFC più specificamente, un torneo negli Stati Uniti negli anni '90 hanno dimostrato la loro superiorità nei confronti di vari stili di arti marziali, sta per essere pratica da tutti.

Considerazioni finali

    Jiu-jitsu è in sostanza il Judo giapponese (Kodokan), nel corso del tempo è diventato un'arte di combattimento per dimostrare la loro efficienza e la supremazia. Logo stava calando in accademie come lotta "ragazzi Pit", diventando sinonimo di violenza.

    Con l'influenza dei famosi mezzi di MMA, ora noto come MMA (Arti marziali miste), tenendo conto delle grandi spettacoli, catturando l'attenzione di molti spettatori. I grandi combattenti si perfezionano in varie forme di lotte, e una modalità che non può rimanere fuori dalla lotta è fisso. Così facendo aumenta la richiesta di Brazilian Jiu-jitsu, la creazione di uno stereotipo che Jiu-jitsu è praticata solo da persone che cercano di eccellere nei tornei di MMA.

    Se citato l'inserimento di scuola di Jiu-Jitsu nella zona, crea un certo limite, perché i laici ritengono che la modalità non contribuisce alla formazione dello studente, a differenza di arti come il Judo, Karate, Tae Kwon Do e anche Capoeira.

    Ma si ritiene che il Brazilian Jiu-jitsu può essere utilizzato nelle scuole, a condizione che sia preso in considerazione alcuni valori di etichetta che Kano ha proposto i principi del Judo Kodokan.

    Anche un adattamento specifico alla scuola Più specificamente, utilizzando le dimensioni del contenuto proposto da Coll et al. al. (1998) (concetto, procedura e l'atteggiamento), le tecniche e il modo in cui è stato insegnato che guida così, vale a dire ciò che lo studente ha bisogno di sapere (concetti) su ciò che verrà appreso, dovrebbe sapere che cosa fare (procedure), contenuti specificamente pratico; Per fare (attitudinale), che gli atteggiamenti sono tenuti a praticare realizzato.

    Per osservare la pratica del Jiu-jitsu con uno sguardo di educatori, ci rendiamo conto della mancanza di dimensioni concettuali e comportamentali durante le lezioni, perché la preoccupazione principale è la trasmissione del (miglioramento della tecnica e fisica) procedurale, perché sembra che gli studenti hanno una delle maggiori preoccupazioni con risultati competitivi.

    Se il Jiu-jitsu è presa per il curriculum scolastico nello stesso modo in cui viene insegnato in queste accademie, non aggiungere per quanto riguarda gli aspetti didattici, in quanto lo scopo della scuola non è atleti di formazione o concorrenti e Jiu-jitsu, ma pratica corpo di prendere un'altra dimensione (formazione dei cittadini).

    Perciò giustifica la pratica in quanto gli insegnamenti di Judo sono legate alla classe, perché quando Judo Jigoro Kano ha creato ha reso chiaro che la pratica non è stata la formazione di guerrieri, ma buoni cittadini.

Riferimento bibliografico

    COLL, C.; Pozo, JI; SARABIA, B.; VALLS, E. I contenuti della riforma: l'insegnamento e l'apprendimento di concetti, procedure e atteggiamenti. Porto Alegre: ArtMed, 1998.

    Darido, S e C RANGEL, IC Scuola implicazioni di educazione fisica per la pratica pedagogica. Guanabara Koogan: Rio de Janeiro, 2008.

    FERREIRA, E. E. R. Judo: un processo educativo. Piracicaba, 2003. 64p. Tesi di laurea - Master in Educazione Fisica, Università Metodista di Piracicaba.

    Gracie, Gracie Jiu H.-jitsu. Grandine: São Paulo, 2007

    Kano, J. mentale e fisica di energia. Pensiero: São Paulo, 2008a.

    Kano, J. Kodokan Judo. Pensiero: São Paulo, 2008b.

    Ratti, O, e Westbrook, A. segreti dei samurai, arti marziali nel Giappone feudale. Sao Paulo, Madras, 2006.

    Stevens, J. Tre maestri del Budo: Kano (Judo), Funakoshi (Karate), Ueshiba (aikido). Sao Paulo: Cultrix, 2007.

    Sugai, VL La via del guerriero: il contributo delle arti marziali per l'equilibrio fisico e spirituale. Sao Paulo: Editora Gente, 2000.

    TEIXEIRA, ACEM Sport e violenza in Jiu-jitsu: il caso dei "pitboys". Monografia. Pontificia Università Cattolica - Facoltà di Scienze Sociali. Rio de Janeiro, 2007.

    VIRGILIO, S. L'arte del Judo. 1986.

    VIRGILIO, S. Conde Koma: Il Yodan invincibile della storia. Atom: Campinas, 2002.